Ad annunciarlo è il presidente del Banco Alimentare dell’Abruzzo Antonio Dionisio.

Il risultato è di quelli importanti: 234 tonnellate di prodotti sono state donate sabato scorso in Abruzzo e Molise nel corso della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare che si è svolta in circa 500 punti vendita, grazie al coinvolgimento di 5 mila volontari.

Rispetto al 2018, dunque, sono state donate 2 tonnellate in più, e la gratitudine è tanta per quanti hanno voluto accogliere per il ventitreesimo anno consecutivo l’invito a fare una spesa “più ampia”, a vantaggio di chi non può permettersela. Nel dettaglio, le tonnellate donate in Abruzzo sono state 201, di cui 61 a Pescara e provincia, 52 a Chieti, 52 a Teramo e 36 a L’Aquila. In Molise, le tonnellate donate sono state 33, di cui 27 a Campobasso e provincia e 5 a Isernia. A livello nazionale, la cifra raggiunge quota 8.100 tonnellate.

“Ma la Colletta Alimentare va ben oltre i numeri – commenta Antonio Dionisio, presidente del Banco Alimentare dell’Abruzzo – perché quello che è accaduto sotto i nostri occhi sabato scorso è uno spettacolo che non passa inosservato: volontari e militari, associazioni e parrocchie, cittadini e istituzioni, famiglie e amici, persone più o meno abbienti, tutti insieme hanno reso questa giornata un evento di popolo, sicuramente il più grande evento solidale in Italia e nella nostra regione.

L’immensa gratitudine mia e del Banco Alimentare è per quanti hanno reso possibile tutto questo e per quanti hanno donato senza risparmiarsi, in una fase storica dove tantissimi fanno fatica a far quadrare i bilanci familiari. A tutti indistintamente il nostro grazie: noi siamo già al lavoro per distribuire immediatamente ai 4.698 bisognosi assistiti in Molise da 33 enti convenzionati con il Banco Alimentare quanto donato dalla carità del popolo”.