di Redazione

Il progetto AGRISMART è stato Ideato in collaborazione fra Coldiretti Molise, l’Ente di Formazione “Scuola e Lavoro” di Termoli ed Impresa Verde Molise srl, la Società di servizi di Coldiretti Molise, e presentato nell’ambito dell’avviso pubblico PSR 2014-2020 Misura 1. Sottomisura 1.2, Intervento 1.2.1 Attività “dimostrative” e “informative” mirante a fornire supporto informativo alle aziende agricole e zootecniche che operano in regione. Il Progetto si compone di una parte “informativa”, mediante seminari, e una “dimostrativa” che prevede visite/eventi in aziende agricole molisane. Le tematiche oggetto di formazione, sia nella loro parte teorica in aula che pratica nelle visite aziendali, sono: l’ambiente, l’innovazione ed i cambiamenti climatici. L’incontro ha visto la partecipazione, in veste di relatori del Prof. Antonio De Cristofaro, ordinario di Entomologia agraria presso l’Unimol, e dal Prof. Stefano Marino, docente di agronomia presso la stessa Università. A fare gli onori di casa il Vice Presidente di Coldiretti Molise, Adamo Spagnoletti, il Presidente provinciale di Campobasso, Giacinto Ricciuto, ed il Direttore regionale di Coldiretti Molise, Aniello Ascolese. Presentate anche il responsabile regionale della Politica agricola comune (Pac), Fernando Liberatore. All’incontro formativo, molto apprezzato dai partecipanti, hanno preso parte anche numerosi studenti dell’Istituto agrario “Pilla” di Campobasso, accompagnati dai loro docenti, che hanno avuto modo di apprendere, insieme con i tanti imprenditori agricoli provenienti da tutta la regione, le tecniche utili ad aumentare il contenuto di carbonio nei suoli, illustrate in maniera chiara ed esaustiva dai docenti dell’Unimol. Sia il vice Presidente regionale Spagnoletti che il Presidente provinciale Ricciuto hanno sottolineato l’importanza della formazione in agricoltura, spronando gli imprenditori, come anche gli studenti presenti in sala, ad acquisire sempre nuove conoscenze, oggi più che mai indispensabili a rendere la propria azienda competitiva nel rispetto dell’ambiente e della biodiversità. Spagnoletti ha inoltre posto l’accento sulla recente approvazione, da parte del Parlamento, della Legge contro il “cibo sintetico”, fortemente voluta da Coldiretti; ribadendo con forza la necessità di non stravolgere la natura ma di continuare a produrre cibo come da sempre gli agricoltori fanno ovvero: rispettando la natura, la biodiversità e il benessere animale, tutelando sempre l’ambiente e l’ecosistema.

Articolo precedente“UNA VITA CONTRO LA CAMORRA”,LIBRO/DENUNCIA DELL’ISERNINO PAOLO DE CHIARA, EDITO DA BONFERRARO
Articolo successivoSULLA PROVINCIALE PER CONCA CASALE PENDONO PERICOLOSAMENTE ENORMI MASSI DALLA COLLINA SOVRASTANTE