peronospora vigna

di Redazione

Coldiretti Molise torna sui danni da peronospora subiti dalla imprese del settore vitivinicolo lo scorso anno. Nello specifico l’Organizzazione esprime soddisfazione per la prossima apertura delle funzionalità da parte di AGEA attraverso le quali potranno essere presentate le domande per l’accesso al sostegno economico previsto dal DM 15 dicembre 2023, contenente “Disposizioni per la gestione dei fondi destinati a fronteggiare l’emergenza provocata da attacchi di peronospora”. I decreti attuativi, che dovranno a breve essere pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, sono perfettamente in linea con le direttive del Ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, Francesco Lollobrigida, consentendo al CAA di avviare la raccolta e l’istruttoria delle medesime istanze. A tal proposito Coldiretti si è adoperata affinché l’accesso al beneficio da parte dei viticoltori possa essere quanto più semplificato in termini di procedura. Non va dimenticato che in Molise la peronospora ha causato una perdita pari a circa 500mila quintali di uva, raggiungendo una mancata produzione che, specie del Basso Molise, ha raggiunto anche punte del 100%. Un danno economico, quantificabile in più di 20 milioni di euro, che si somma ai costi che aziende e cantine dovranno comunque sostenere pur non avendo avuto alcun introito. Coldiretti Molise auspica, inoltre, che il Ministero approvi al più presto il decreto di riconoscimento dello stato di calamità naturale conseguente ai danni alluvionali subiti nel maggio 2023 dall’agricoltura molisana, rappresentando lo stesso un passaggio fondamentale per poter attivare le misure di supporto necessarie agli agricoltori colpiti.

Articolo precedenteLA MOLISANA MAGNOLIA, ALTRO CAPOLAVORO AL PALAZAULI: ANCHE ROMA DEVE ARRENDERSI
Articolo successivoLA PROGRAMMAZIONE CINEMATOGRAFICA A “IL PROSCENIO” DI ISERNIA