Ritornare al successo. Questo l’obiettivo del Circolo La Nebbia Cus Molise che domani (inizio fissato alle ore 15) sarà di scena sul campo dell’Eur calcio a 5 per la sesta giornata di campionato. Il pari interno contro l’AP nell’ultimo turno ha confermato che in questo campionato non esistono partite facili e bisogna mantenere alta la concentrazione onde evitare cattive sorprese. Allo stesso tempo il gruppo guidato da Marco Sanginario ha dimostrato di avere delle grandi potenzialità e di poter giocare alla pari con tutti. Alla vigilia del confronto del Pala To Live a caricare il gruppo rossoblù è Mattia Triglia. “Affronteremo un avversario che è in cerca di punti per risalire la classifica e quindi dovremo fare molta attenzione – spiega – noi dopo il pareggio di sabato contro l’AP vogliamo tornare al successo per dare ulteriore continuità ai nostri risultati in un inizio di campionato che ci vede ancora imbattuti”.

Facciamo un passo indietro. Contro l’AP avete impattato 2-2. Cosa hai pensato quando hai tolto dalla porta il 3-2 di Barichello?

“Sono stato sfortunato nell’essermi trovato al posto sbagliato nel momento sbagliato. Mi è dispiaciuto tantissimo perché quello sarebbe potuto essere il gol della vittoria ma così non è stato. Peccato perché abbiamo creato tante occasioni da gol e avremmo meritato di vincere. Speriamo di rifarci subito per rimanere in alto in classifica”.

L’avvio di campionato è stato sicuramente positivo per voi. Sei d’accordo?

“In un girone assai impegnativo come quello di quest’anno tutti i punti che abbiamo messo in cassaforte sono preziosi per il nostro cammino. Abbiamo dimostrato di saper soffrire confermando di  essere un grande gruppo. Credo che continuando a lavorare così come stiamo facendo possiamo toglierci delle belle soddisfazioni anche quest’anno”.

Arbitri – Dirigeranno il confronto Tassinato di Padova e Calì di Caltanissetta. Il crono sarà Perrino di Albano Laziale.

Articolo precedenteAnche la UIL Molise a Roma con gli operatori della sanità
Articolo successivo“Calenda vota sì”. Cosa è successo al Senato con la fiducia al governo