Davanti la sede, del Consiglio regionale del Molise, è in atto una dura protesta contro l’esecutivo Toma e l’intera classe politica regionale, rea di aver provocato un disastro sanitario senza precedenti.

I manifestanti, nel rispetto delle norme anti-Covid, hanno esposto striscioni con scritte che non lasciano dubbi all’interpretazione: “Cacciamoli“, “Ve ne dovete andare“, “Avete attentato alla nostra vita” e “Subito centro Covid al Vietri“.

Manifestazione pacifica, dai toni accesi, tenuta sotto controllo dalle forze dell’ordine che seguono l’evolversi della situazione, pronti ad intervenire nel caso ve ne fosse la necessità.

Sono attese anche le telecamere di alcune reti nazionali che seguiranno in diretta la protesta. E’ stata annunciata un’occupazione simbolica di “Palazzo D’Aimmo” per liberarlo dall’attuale classe politica; i cittadini tenteranno di entrare nel palazzo.

La seduta del Consiglio regionale, convocata per le ore 9.30, non è ancora iniziata. I consiglieri stanno arrivando alla spicciolata, si attende anche l’arrivo del presidente Toma. Non è dato sapere se Toma deciderà di incontrare una delegazione dei manifestati o se eviterà il confronto.

Articolo precedenteIl Consiglio regionale decreta la fine del governo Toma
Articolo successivoSanità, si è dimesso il subcommissario Ida Grossi