di Redazione

Il Premio San Giorgio – istituito a partire dall’anno 2013 – viene conferito annualmente dal Centro Studi Molisano a persone oppure a enti che abbiano svolto tutta o parte della propria opera in Molise o in favore del territorio e della popolazione molisana e che si siano particolarmente distinti in uno o più dei diversi campi della conoscenza umana, in particolare in campo artistico, storico, giuridico, economico, sociale, scientifico o per l’impegno dimostrato nella salvaguardia delle tradizioni, dei valori etici, della legalità e della formazione culturale.  Per l’anno 2023 – XI Edizione – il Centro Studi Molisano ha conferito il Premio San Giorgio alla «Associazione Misteri e Tradizioni» di Campobasso. Al riguardo, il Prof. Giuseppe Reale, Presidente del Centro Studi Molisano, ha dichiarato: «Per l’edizione 2023 del Premio San Giorgio il Consiglio Direttivo ha deciso all’unanimità di premiare non già una singola figura, come di solito avvenuto nelle passate edizioni, bensì un gruppo di persone, una laboriosa e motivata Associazione che operando sul nostro territorio da oltre venticinque anni si è particolarmente distinta e fatta apprezzare per l’impegno e la passione profusi nella conservazione delle tradizioni – tra cui, principalmente, quella dei “Misteri”, conosciuta oramai anche al di fuori dei confini regionali, e la sfilata degli “ingegni” nel giorno del Corpus Domini con le sacre rappresentazioni – e nella salvaguardia dell’identità, della memoria e delle radici proprie della popolazione locale, nonché per i meriti e gli importanti traguardi conseguiti con molteplici e significative iniziative in campo culturale e turistico, dando lustro al nostro Molise».  Ricevuta la comunicazione riguardante l’assegnazione del premio il Presidente dell’Associazione Misteri e Tradizioni, Liberato Teberino, ha dichiarato: «Ricevo con piacere e stupore la comunicazione del conferimento del Premio “San Giorgio” attribuito, nelle scorse edizioni, ad illustri personalità. Questa volta, ritengo che, attraverso la mia persona, si è voluto riconoscere l’opera lenta e continua di un gruppo che nel tempo ha salvaguardato e fatto crescere la tradizione dei “Misteri”. Come in una grande famiglia, con tanti cognomi, da bambini si è Angelo, Santo o Madonna e crescendo si ricoprono nuovi ruoli confacenti ai propri talenti. Oggi l’Associazione Misteri e Tradizioni conta oltre cento associati di tutte le età e negli oltre venticinque anni di attività ha realizzato significative iniziative come il Museo dei Misteri, la processione degli ingegni in piazza San Pietro in occasione del Grande Giubileo del 2000 e numerose pubblicazioni. I traguardi raggiunti sono frutto oltre che dell’impegno di persone che nel quotidiano prestano la propria opera, anche dell’insegnamento di “Giganti” che ci hanno preso per mano e mettendoci sulle loro spalle ci consentono di guardare lontano. Molte le cose da fare, ma la direzione è segnata, l’Associazione vuole perpetuare una tradizione che da tre secoli rappresenta l’essenza identitaria di una popolazione mite, laboriosa e genuina che vive il Molise». La cerimonia di consegna del Premio San Giorgio 2023 si svolgerà nel corso di un evento pubblico che il Centro Studi Molisano organizzerà nei primi mesi del 2024.

Articolo precedenteIL NUOVO INCREDIBILE PRESEPE, “INCLUSIVO E LAICO”, CON LA SOLA CAPANNA DEL TUTTO SPOGLIA
Articolo successivoRISORSE IDRICHE: COLDIRETTI MOLISE, SERVONO INTERVENTI RAPIDI ED EFFICACI PER FRONTEGGIARE I CAMBIAMENTI CLIMATICI