Campobasso, 14 giugno 2021, ore 17:00, Aula Magna dell’Università del Molise

In questo primo scorcio del XXI secolo la pandemia causata dalla diffusione dell’agente virale Covid-19 ha determinato un vero e proprio cambio di passo in tutte le aree del mondo.

In poco tempo i molteplici cambiamenti dettati dall’emergenza sanitaria – fronteggiata in via d’urgenza con continui provvedimenti emanati al fine di contenere gli effetti derivanti dalla minaccia globale costituita dalla velocita di espansione del morbo – hanno riguardato singoli individui, famiglie, organizzazioni sociali, organismi produttivi di qualsiasi specie, natura e dimensione, apparati sanitari e istituzionali dei moderni Stati, con mutamenti radicali che hanno interessato i modelli economici, sociali, politici e, in generale, lo stile di vita rispetto al quale il pianeta sembrava ormai essersi assestato, aprendo le porte ad una sorta di «nuova normalità».

In questo contesto, secondo la logica darwiniana, è immediatamente iniziato un processo «evolutivo» di adattamento rispetto all’inattesa situazione, al fine di cercare di «convivere» con il rischio del contagio. Già da quanto precede appare evidente che anche solo cercare di descrivere sommariamente quali siano state le conseguenze della pandemia non è opera facilmente realizzabile.

Al fine di affrontare alcune delle problematiche connesse alla diffusione del Covid-19 il Centro Studi Molisano con il patrocinio dell’Università degli Studi del Molise ha inteso organizzare per il 14 giugno 2021, alle ore 17:00, presso l’Aula Magna dell’Ateneo (via De Sanctis, Campobasso), un incontro sul tema dal titolo «L’era delle pandemie». L’evento costituirà anche l’occasione per la consegna del premio «San Giorgio 2020», VIII Edizione, alla molisana Francesca Colavita, giovane ricercatrice e biologa dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive “L. Spallanzani” di Roma, alla quale il premio è stato conferito dal Centro Studi Molisano nel mese di dicembre 2020 e la cui cerimonia di consegna, di regola organizzata nel corso del mese di dicembre di ogni anno, era stata rinviata in ragione della situazione epidemiologica e del necessario rispetto dei provvedimenti emanati dalle competenti autorità.

L’incontro si aprirà con i saluti istituzionali del Magnifico Rettore, Prof. Luca Brunese, e delle altre autorità intervenute. L’introduzione sarà curata dal Prof. Giuseppe Reale, Presidente del Centro Studi Molisano e docente dell’Ateneo. A seguire, vi sarà la consegna del premio alla dott.ssa Colavita previa laudatio dell’insignita tenuta dal Prof. Ciro Costagliola, Direttore del Dipartimento di Medicina e Scienze della Salute. Dopo la consegna del premio la dott.ssa Colavita terrà una interessante relazione su una tematica estremamente attuale dal titolo «Il virologo nella risposta alle epidemie da patogeni emergenti, tra ricerca e diagnostica».

Al termine si aprirà uno spazio per brevi interventi o domande da parte del pubblico. Quanto al premio il Prof. Reale ha dichiarato: «Il Premio San Giorgio – istituito a partire dall’anno 2013 – viene conferito annualmente dal Centro Studi Molisano ad una persona – molisana, di origine molisana o comunque (se non di origine molisana) che abbia svolto tutta o parte della propria opera in Molise o a favore del territorio e della popolazione molisana – che si sia particolarmente distinta in uno o più dei diversi campi della conoscenza umana, in particolare in campo artistico, storico, giuridico, economico, sociale, scientifico o per l’impegno dimostrato nella salvaguardia dei valori etici, della legalità e della formazione culturale. Inoltre, il Premio può essere attribuito a persone di origine molisana o comunque che abbiano operato in Molise e che si siano particolarmente distinte nei vari settori dell’economia oppure per l’impegno profuso nel campo dell’imprenditoria. Per l’Edizione 2020 il Consiglio Direttivo del Centro Studi Molisano ha conferito il premio, all’unanimità, alla molisana Francesca Colavita».

Il Prof. Reale ha poi aggiunto: «La terribile pandemia in atto da ben oltre un anno ha drasticamente mutato il volto della società contemporanea, ha riscritto le regole dei sistemi economici, ha messo a dura prova gli apparati sanitari di tutte le Nazioni e ha inciso in una maniera senza precedenti recenti sullo stile di vita di miliardi di persone. La capacita di trasmissione dell’agente virale e l’elevato numero dei contagi e dei decessi causati dal virus hanno fatto comprendere a tutti noi il valore e l’importanza della semplice “normalità” della precedente vita quotidiana, alla quale auspichiamo di tornare al più presto e, soprattutto, hanno dimostrato che essa non è affatto scontata, come forse ingenuamente credevamo, ma va custodita e preservata giorno per giorno».

Infine, richiamando le motivazioni che hanno condotto alla scelta dell’insignita: «La dott.ssa Colavita, come è noto, è una componente del team di virologi dell’Istituto “Spallanzani” che ha isolato il genoma del virus Covid-19. Per tali ragioni per l’VIII Edizione del premio il Centro Studi Molisano ha scelto di gratificare una figura che si è distinta in modo particolare per l’elevato impegno profuso nel campo delle malattie infettive e, segnatamente, nell’attività di ricerca sul Covid-19. Siamo lieti e onorati di aver premiato una ricercatrice molisana che, sebbene molto giovane, ha già raggiunto, sia in ambito nazionale che internazionale, risultati molto significativi e prestigiosi, come dimostra il suo ricco curriculum scientifico. Un vivissimo apprezzamento, dunque, va riconosciuto all’opera svolta dalla biologa molisana per quanto fino ad ora ha fatto e per quanto ancora potrà fare dedicandosi alla ricerca scientifica in un settore volto a contrastare quelli che appaiono alcuni fra i più temibili flagelli che fin dalla lontana antichità hanno ciclicamente colpito il genere umano, vale a dire le epidemie».

Infine, l’evento costituirà anche l’occasione per la consegna di una “Targa d’Onore” alla famiglia dell’avv. Roberto Fagnano, illustre avvocato e manager molisano prematuramente scomparso nel mese di ottobre del 2019.