di T.A.

LA RICHIESTA DEI VENAFRANI, “SI AGGIUSTERA’ FINALMENTE ANCHE  L’IMPOSSIBILE STRADA STERRATA E POLVEROSA DI ACCESSO, INCUBO DELLE SOSPENSIONI DEI MEZZI SU GOMMA ?”

Prima la chiusura temporanea per ristrutturazione del centro comunale di raccolta di tutto e di più a Venafro. Quindi il progressivo svuotamento della rete idrica municipale quale conseguenza di avaria delle pompe che immettono il flusso idrico nella rete di distribuzione. Un doppio out che di certo non ha fatto sorridere i venafrani, di colpo esposti a problemi di non poco conto. Problemi comunque affrontati con la proverbiale buona sopportazione dai venafrani, sperando ovviamente che entrambi gli inconvenienti presto abbiano a finire. Intanto sul primo, in ordine di citazione, dei problemi ecco il pensiero della collettività cittadina : “Una ristrutturazione attesa e necessaria da tempo -si puntualizza a Venafro- viste le impossibili condizioni del centro raccolta comunale, tanto da temere per la salute e l’incolumità personale se necessario raggiungerlo. Perciò ben venga tale urgentissima ed indifferibile ristrutturazione, sperando che venga fatta in maniera tale da restituire decenza e salubrità all’intero servizio”. Quindi, restando in tema, altro ancora sempre dall’opinione pubblica venafrana : “Vogliamo augurarci che venga rivista, risanata e bitumata anche la strada comunale di accesso al servizio. Trattasi di arteria polverosa ed impreziosita da centinaia di avvallamenti e buche, che la rendono praticamente impercorribile ! Ne sanno qualcosa le sospensioni delle vetture su gomma che la percorrono per raggiungere o lasciare il centro raccolta e che escono “martoriate” da quei terribili ed impossibili cinquecento metri della traversa ! Non è ammissibile tenere in atto simile strada ! Ci auguriamo che con la ristrutturazione del centro venga migliorata anche la strada di accesso, oggi totalmente impercorribile “.

Articolo precedenteCampus Estivo a Campomarino: dieci i partecipanti all’iniziativa del CIP Molise
Articolo successivoVIAGGIATORI MOLISANI DIRETTI A ROMA E IN CAMPANIA AMMASSATI E IN PIEDI SUI TRENI