Nell’era frenetica del digitale, di fb, di foto, di notizie particolari e di tant’altro di assolutamente innovativo, moderno e tipico del terzo millennio in cui le nuove generazioni si ritrovano perfettamente a loro agio, è un piacere unico ritrovare foto b/n degli anni ’50 dei piccoli paesi molisani. Autentiche”cartoline”, decisamente belle, che raccontano abitudini, tempi, ambienti, personaggi e ritmi di vita dei tempi trascorsi, coi nostri avi che s’ingegnavano giorno dopo giorno per “arrivare alla fine della giornata”, ossia per vivere dignitosamente con quanto “passava il convento”, per usare un’espressione tipica ed assolutamente veritiera del passato. Ed allora spazio a siffatta suggestiva carrellata in b/n, certamente più esplicita di mille parole tanto da meritare a pieno titolo il risalto dovuto. “Cartoline” di paese quelle allegate, nel caso in essere di Venafro degli anni ‘50, nelle quali si ritrovano tipicità uniche che raccontano generazioni, ritmi di vita e consuetudini trascorse ed indimenticabili. In rapida successione, dall’allegata carrellata fotografica venafrana b/n della metà del secolo scorso, si ritrova piazza Vittorio Emanuele II, Corso Lucenteforte, il laghetto del rione Ciaraffella, la gente in strada in occasione della fiera della Madonna del Carmine, piazza Cimorelli, il lavatoio comunale, gente che offre cibo alle anatre, giovani al Verlasce, distruzioni belliche, angoli di paese, una pausa del film “La legge é legge”, gente al balcone e l’allora Teatro Romano di S. Aniello. Il tutto per ammirare, ricordare ed apprezzare i decenni appena passati.

Articolo precedenteIsernia, nuovo strumento investigativo per la Procura e le Forze dell’Ordine: firmato protocollo di intesa
Articolo successivo“Il tramentista”, ovvero colui che osserva e guarda h 24 quanto accade, facendosi … i fatti altrui