Parte sotto le stelle del jazz il cartellone di “Eventi in città. ContaminAzioni Culturali tra luoghi e generi” dei mesi agosto e settembre stilato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Campobasso. Nello scenario intimo e suggestivo di piazzetta Palombo, designato quale luogo principale per ospitare la musica live in città in questi due mesi, oggi domenica 18 agosto, alle ore 21.30, i CB Friends apriranno con il loro concerto il primo dei tre appuntamenti di Borgo in jazz.

I CB Friends sono un quintetto energico e travolgente, con forte richiamo alla tradizione jazz, composto da Manuel Concettini alla tromba, Nicola Concettini al sax, Antonio Caps al piano, Nicola Cordisco al basso e Alberto Romano alla Batteria.

Si tratta di una formazione simbolo dell’era bop anni 50’ interpretata da alcuni dei migliori musicisti presenti sul territorio regionale pronti a dare libero sfogo alle proprie improvvisazioni su un repertorio di grandi successi del jazz che si preannuncia affascinante e di grande impatto sul pubblico.

I CB Friends gravitano tutti sul territorio regionale e da anni svolgono attività concertistica su scala nazionale e non solo, vantano collaborazioni con grandi artisti del panorama jazz mondiale e hanno maturato una carriera artistica di prestigio.

Dopo la serata inaugurale di domenica, Borgo in jazz animerà piazzetta Palombo anche il 23 e il 25 agosto, rispettivamente con il Concettini Quartet feat Humberto Amesquita e con The Jazz Side of my Moon, mentre, invece, il calendario degli eventi cittadini proporrà il 21 agosto alle ore 17.00, la seconda edizione di Campobasso in Quiz, curata dall’associazione Centro Storico in piazza G. Pepe, e domenica 25 agosto, alle 9.30, la prima passeggiata naturalistica lungo il sentiero tratturale, partendo da S. Stefano, curata dall’associazione Inforesta.

Articolo precedenteSale sul parapetto del viadotto della Fede per lanciarsi nel vuoto: Salvato dagli agenti della Polizia Stradale di Isernia
Articolo successivoIsernia – Strisce blu, Pcl: “Non è vero che i disabili devono pagare”