Un flash mob di protesta contro il direttore dell’Asrem Oreste Florenzano quello attuato dai sindacati della sanità dinanzi l’ospedale Cardarelli di Campobasso. Sotto accusa la frase che il direttore Florenzano ha riportato: Se tutti gli operatori sanitari indossano bene i dispositivi di protezione individuale, – ha detto Florenzano – il contagio è impossibile.

Gli operatori si sono contagiati fuori dagli ospedali non dentro” Le dichiarazioni del direttore generale Asrem Florenzano sono considerate “un’offesa” – ha aggiunto l’Ordine degli infermieri del Molise – per chi in questo periodo sta garantendo turni estenuanti” e hanno un “orario di lavoro di 12 ore in modo continuativo”, devono garantire i “rientri sui riposi”, oltre ad “una turnazione sul territorio per effettuare i “tamponi” dopo il proprio turno di lavoro.

Sicuramente non per un fatto economico – aggiunge l’Ordine degli infermieri – visto che sono scarsi 12 euro ad ora, ma ciò che contraddistingue il Professionista Infermiere è il grande spirito di abnegazione nei confronti del cittadino con il suo bisogno di salute e verso un’Azienda che non riconosce l’impegno e la professionalità dei propri infermieri.

Ecco perché quelle dichiarazioni del direttore dell’Asrem, Oreste Florenzano, sono un’offesa ai nostri professionisti senza considerare che Il rapporto tra pazienti e numero degli infermieri non è mai stato calcolato”. E questo aumenta il rischio di infezione per gli operatori da una parte, dall’altra aumenta anche l’indice di mortalità del paziente. Da qui il primo presidio attuato dinanzi l’ospedale Cardarelli di Campobasso per denunciare quanto sta accadendo e rischia ancora di accadere