di Redazione

Inclusione! Questo il messaggio alla base del lavoro dei professionisti Sai che, da alcuni anni, lavorano, non senza difficoltà, affinché le persone si sentano integrate in un contesto finora sconosciuto.

Il 22 Aprile 2024 alle ore 15.30 si terrà il laboratorio di giardinaggio “Ci vuole un fiore 3”, giunto alla sua terza edizione, dedicato ai beneficiari Sai “Integramondo” e “Karibu”, nel cortile antistante gli uffici dell’Unione Coltivatori Italiani, in via D’Amato a Campobasso. Seguiti dagli operatori che, costantemente li accompagnano, indirizzandoli al meglio nei propri percorsi di crescita e di orientamento, dall’equipe multidisciplinare, solerte è l’attività laboratoriale che sperimentano. Pittura, giardinaggio, corsi di formazione e di alfabetizzazione risultano tra le attività presenti e volte ad arricchire il proprio bagaglio professionale e ricreativo. Attualmente i beneficiari Sai “Karibu” dell’ATS di Campobasso presenti sono 75 tra nuclei familiari, mentre per il Sai “INTE(gra)Mondo” del comune di Campobasso, ovvero ultramaggiorenni, risultano essere n.16 tra Campobasso e provincia. L’Ente gestore è la Cooperativa sociale per azioni ETS ASSeL-Assistenza e lavoro .“Ci vuole un fiore 3”mette insieme realtà disparate, voglia di crescita e di riscatto. Creatività, emozioni e talento sono racchiuse in un’unica parola: inclusione. Questo il messaggio alla base del lavoro dei professionisti Sai che, da alcuni anni, lavorano, non senza difficoltà, affinchè le persone si sentano integrate in un contesto finora sconosciuto. Obiettivo, infatti, dei Sai è l’accoglienza, la tutela, e l’integrazione dei richiedenti asilo, dei rifugiati e dei titolari di protezione sussidiaria o umanitaria.

Articolo precedenteCiarniello a Fdi e Casanova attacca: “Troppi addii, Marone spieghi cosa sta accadendo”
Articolo successivoEnergyTime Spike Devils, aria di big match per i rossoblù I diavoletti vanno a far visita alla capolista Genzano