A Campobasso da oggi è entrato in funzione il servizio di videosorveglianza con 120 telecamere, a breve ce ne saranno 140, dislocate sull’intero territorio comunale. Un progetto partito quattro anni fa, finanziato con fondi della Regione, che si concretizza oggi dopo un iter “lungo e delicato” ha detto il sindaco Antonio Battista.

Città più sicura, dunque, attraverso “uno strumento che dà maggiore sicurezza e aiuta le forze dell’ordine – ha aggiunto – ma la presenza degli organi di polizia resta sempre determinante. Non abbiamo risolto tutti i problemi, resta comunque fondamentale la collaborazione del cittadino alla vita del territorio”.

“Il Piano è stato redatto in Prefettura – ha spiegato l’assessore alla Polizia municipale, Francesco De Bernardo – ed è stato perfezionato grazie all’ausilio delle forze dell’ordine che hanno stabilito i punti dove collocare le telecamere”.