La donna sportiva negli anni è stata identificata come qualcosa di diverso dall’ordinario, quasi mascolina. Valori come la grazia, la bellezza, l’eleganza e la femminilità scomparivano, nella visione patriarcale, di fronte a discipline considerate propriamente maschili. Liberaluna Onlus al fianco delle donne, per combattere gli stereotipi di genere, in collaborazione con l’ASD Barbarians Respectful e con l’associazione MeToo, il 21 ottobre presso la Sala convegni del dopolavoro ferroviario, ha organizzato il seminario Pareggio di genere. Ospite Silvia Guadino, talent scout ex capitano della nazionale maggiore di rugby femminile, attualmente inserita nel progetto rilancio sud come responsabile dello sviluppo femminile nel settore 3 a supporto dei club sportivi e nella promozione e sviluppo in funzione della crescita delle atlete meritevoli. Un grande apporto all’evento sarà dato dall’esperienza delle atlete molisane del rugby femminile Barbarians Respectful insieme al presidente Giuseppe Valente. In apertura il cavaliere dr.ssa La Selva Maria Grazia responsabile del Centro Antiviolenza Liberaluna e fondatrice dell’associazione Liberaluna Onlus, insieme alla dr.ssa Emanuela, psicologa del Centro Antiviolenza Liberaluna, apriranno l’evento insieme alla consigliera di parità delle province di Campobasso ed Isernia, Giuditta Lembo. Il seminario è finanziato e promosso dal Centro Servizi Volontariato Molise. Sarà inoltre presente Pasqualino De Mattia presidente dell’ODV MeToo che da anni è impegnato in attività di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne in particolare attraverso la campagna nazionale “non ti amo da morire”.

Articolo precedenteIl prossimo governo nazionale di centrodestra e gl’immancabili contrari
Articolo successivoPD/Cinque Stelle: salta l’alleanza anche alle Regionali molisane