Parte a febbraio il ciclo “I suoni e l’osso”: cinque appuntamenti d’interesse etnoantropologico ed etnomusicale che si terranno al Circolo Sannitico fino ad aprile

Il Comune di Campobasso, attraverso l’assessorato alla Cultura, in collaborazione con il Ministero della Cultura, Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale e l’Archivio di Stato di Campobasso, l’Università degli Studi del Molise – Centro di Ricerca BIOCULT e la Bibliomediateca Comunale di Campobasso, a partire dal prossimo 2 febbraio e fino al 19 di aprile, propone un ciclo di ben cinque incontri dal forte interesse etnoantropologico ed etnomusicale.

“I suoni e l’osso” è questo il titolo della rassegna che per i suoi appuntamenti, aperti gratuitamente al pubblico, avrà come location le sale del Circolo Sannitico, nel centro del capoluogo regionale.

Si partirà il prossimo giovedì 2 febbraio, alle ore 17.30, con l’appuntamento con Antonio Di Cintio e il suo testo “Il poeta gentile. Celestino Ciaralli e il canto a braccio di Amatrice”, Morlacchi editore. Interverranno all’incontro, la professoressa Letizia Bindi, antropologa e Direttrice Centro BIOCULT dell’Università degli Studi del Molise; Vincenzo Lombardi, etnomusicologo e Direttore dell’Archivio di Stato di Campobasso. A fare da moderatrice di questa serata inaugurale dell’intero ciclo “I suoni e l’osso”, ci sarà la giornalista Susanna Buffa.

Sempre a febbraio, giovedì 23, alle ore 17.30 al Circolo Sannitico, sarà poi la volta di Vincenzo Lombardi e del suo testo “La raccolta «La Lapa». Musiche tradizionali del Molise registrate da Alberto M. Cirese”, edizione di Macchiamara.

Due gli appuntamenti della rassegna in programma anche nel mese di marzo, al Circolo Sannitico, entrambi alle ore 17.30, rispettivamente il 16, con Letizia Bindi e il video documentario “Rutas PatagonAppenninicas / Vie PatagonAppenniniche (20’39, 2021), Premio di Antropologia Culturale ‘Costantino Nigra’ per la categoria Antropologia visuale, e il 30 con Giovanni Carozza, quando si parlerà, invece, di “Musica e pratiche di canto a Gambatesa tra trasmissione intergenerazionale dei saperi e digitalizzazione dei patrimoni etnomusicali”.

Ad aprile, il 19, alle ore 17.30, la rassegna si concluderà con l’incontro che avrà come tema il testo di Stephen C. Cappannari e Leonard W. Moss “Studi antropologici in Molise. Bagnoli del Trigno 1954-1969” a cura di Gino Massullo.

 

Articolo precedenteGREEN GAME ARRIVA AD ISERNIA: IN FINALE L’OMNICOMPRENSIVO “D’AGNILLO” di AGNONE, IL “MATTEI-FERMI” E IL “MAJORANA – FASCITELLI” DI ISERNIA
Articolo successivoCalcio a 5, Cln Cus Molise, domani la trasferta di Aversa. Gara in diretta sul canale 202 di Sky. Barichello: “E’ un giorno speciale, vogliamo fare una grande gara”