Appuntamento per il 12 luglio, con l’evento/carovana dalla Sicilia alla Lombardia, organizzato dall’’associazione di veicoli storici militari HMV Italia


VENAFRO. Nell’80° anniversario dello sbarco alleato in Sicilia, che dette il via alla liberazione dell’Italia dal

Nazifascismo, un gruppo di jeep e mezzi dell’epoca condotti da collezionisti e appassionati di storia, seguiti da una troupe di RAI Storia, ripercorrerà le tappe più importanti del passaggio della II guerra mondiale in Italia. L’obiettivo è tenere viva la Memoria Storica, il sacrificio dei giovani soldati che combatterono nel paese, grazie anche alla presenza di storici ed esperti uniti all’iniziativa. La partenza è prevista da GELA (Sicilia) il 10 luglio 2022, nel giorno esatto dello sbarco alleato in Sicilia che dette il via alla campagna di liberazione dell’Italia con arrivo indicativo a Milano (Lombardia) per il 18 luglio.

Durante il percorso i veicoli si fermeranno nelle località che hanno segnato il cammino della Liberazione: dalle spiagge degli sbarchi passando poi da Venafro e Cassino, chiave per la liberazione di Roma, proseguendo poi per Siena, Firenze, sulla linea Gotica ma anche a Fossoli per ricordare l’orrore della Shoah. L’arrivo è a Milano, al binario 21, simbolo della fine della guerra e della memoria di questi fatti che non deve mai abbandonare tutti gli italiani e le giovani generazioni.

Tappe essenziali saranno i cimiteri di guerra, i luoghi simbolo della campagna d’Italia e alcuni musei del circuito museale culturale ‘Italy War Route’, tra cui il War Museum Winterline Venafro prevista per il 12 luglio alle ore 15 circa.

In questi luoghi si potrà approfondire la storia con ‘le storie’ dei soldati che hanno combattuto la WW2, i rapporti con la popolazione civile e singoli emozionanti avvenimenti spesso misconosciuti al grande pubblico. Non mancheranno momenti dedicati alla rimembranza, insieme alle rappresentanze delle nazioni alleate, e incontri con studiosi ed esperti della Campagna d’Italia che arricchiranno il cammino con un approccio storiografico.

L’iniziativa che ha il patrocinio del Ministero della Difesa, del Consolato Generale Usa di Firenze e il supporto della Commonwealth War Graves Commission, nasce anche con un fine benefico: sostenere la Fondazione Tommasino Bacciotti. La Fondazione è da sempre impegnata in progetti per lo studio e la ricerca in materia di oncologia pediatrica, ma nel contempo dà anche un aiuto concreto alle famiglie dei piccoli ammalati. I partecipanti al raid hanno stampato delle magliette commemorative dell’evento che saranno in vendita durante le tappe dell’iniziativa e fino al 31 dicembre prossimo quando l’intero ricavato sarà devoluto all’associazione. Appuntamento quindi per la tappa a Venafro del prossimo 12 luglio.

Articolo precedenteIntervista all’avv. Emanuela Fancelli microfono d’oro 2023 per l’Opinione.
Articolo successivoTrignina, ore per percorrerne i 70 km