Il big match tra il Venafro F.C e lo Sporting Venafro si conclude con un pareggio. Due reti per parte al termine di una gara sentita e molto dura che non ha deluso le aspettative delle due tifoserie accorse in massa a godersi lo spettacolo. I tifosi della storica squadra bianconera, in maggioranza, hanno supportato fino alla fine la loro squadra non risparmiandosi neanche per un minuto.

Due clamorose sviste arbitrali non consentono al Venafro F.C. di portare a casa una strameritata vittoria. Nonostante lo Sporting abbia giocato con un giocatore in più, non contemplato in distinta, cioè l’arbitro, non riesce a portare il risultato a casa. Grande prova di bianconeri che, oltre a disputare una strepitosa partita, ha portato in alto, come sempre, i valori sportivi e il vero senso dello sport.

Queste le clamorose sviste: Fallo su Pasquale in area, l’avversario in modo evidente commette fallo tirando la maglia, ci sarebbe rigore, ma invece l’arbitro ammonisce il giocatore del Venafro F.C. (capocannoniere del torneo). Da un rigore i bianconeri finiscono a giocare con un uomo in meno e soprattutto senza lui. Secondo goal dello Sporting Venafro, il portiere del Venafro F.C. prende la palla in uscita alta, viene buttato a terra e l’arbitro convalida il goal.

Il giocatore del Venafro F.C. Antonio Pasquale ha dichiarato: “E’ da tanto che pratico sport e mi piace anche seguirlo, ma quello che è accaduto ieri, essere espulso per due simulazioni per doppio giallo in 13 minuti, è una cosa mai vista”.

Il risultato finale, dunque è stato di 2 a 2: per il Venafro F.C. sono andati a segno Passarelli e Verola. Per lo Sporting Venafro Bagnoli e La Bella.

E’ il terzo derby della stagione, ma ha regalato le stesse emozioni del primo. Il Venafro capolista, consolida il primato e rimane unica squadra imbattuta del Girone “A” ed insieme alla Polisportiva Torremaggiore nel Girone “B”, unica imbattuta dell’Intero Campionato di Serie C, con il miglior attacco e la miglior difesa.