«L’anno scorso, appena insediato, ho visitato la sede della Regione Molise a Bruxelles per capire se fosse il caso di dismetterla o creare le condizioni per mantenerla in vita. Oggi, a distanza di dodici mesi, presentiamo due progetti, Molise House e Molise Hub, che sono il coronamento di un percorso veloce e virtuoso di valorizzazione della nostra presenza nella città sede delle istituzioni europee.

La nostra Amministrazione si era data tre obiettivi: internazionalizzazione, attrattività, riposizionamento istituzionale. Oggi, a Bruxelles, dimostriamo plasticamente di aver raggiunto quanto ci eravamo prefissati: siamo riusciti a promuovere l’ennesimo incontro di produttori molisani con buyer europei, a presentare il logo della sede di rappresentanza, che da questo momento si chiamerà Molise House, e il progetto Molise Hub, attraverso il quale concediamo spazi a enti, università, associazioni, società.

In questo modo, abbiamo aperto le porte del Molise in Europa e rafforzato la nostra presenza istituzionale, oltre ad avere abbattuto i costi di gestione. La partecipazione periodica a Bruxelles e Roma è finalizzata a far sentire la voce del nostro territorio, rivendicare quello che ci spetta, ottenere lo spazio e il riconoscimento che merita la nostra terra. Il Molise c’è, si fa largo, cresce e attira. Continuiamo così».

Lo ha dichiarato il presidente della Giunta regionale del Molise, Donato Toma, che nella Molise House a Bruxelles, in Rue de Toulouse 47, ha aperto l’incontro tra imprenditori molisani e buyer internazionali, alla presenza del direttore dell’Ice di Bruxelles, Fabrizio Di Clemente.