“Famiglia assente nel cosiddetto contratto di governo. Cinque Stelle? Incompatibili con i valori cattolici”: l’affondo è di S.E. Monsignor Giancarlo Bregantini in un’intervista rilasciata al periodico on-line “La Fede Quotidiana”.

Riportiamo l’intervista integrale realizzata da Bruno Volpe

Eccellenza Bregantini, a Roma sono comparsi manifesti pro vita ed anti aborto, ma l’ amministrazione comunale capitolina, che è 5 Stelle ha protestato. Che ne dice?

” Penso che sia una manifestazione di intolleranza. Certo, si può discutere su alcune frasi forti usate nei manifesti, però la sostanza di fondo è che occorre sempre dare sostegno alla vita e mai toglierlo”.

Eppure in Italia si fanno sempre meno figli e la popolazione invecchia…

” Il vero e grande problema del nostro Paese si chiama culle vuote o bassa natalità, che è una emergenza e se non apriamo gli occhi sarà sempre peggio. Occorre coraggio e capacità di saper osare in tutto. Dio ci ha dato la vita che è sacra dal momento del concepimento sino alla sua fine naturale e nessuno ne può disporre. Sembra che qui da noi il problema dei problemi sia lo spread o la borsa. No, il nodo ed insisto, è la famiglia e soprattutto la bassa natalità”.

Nel cosiddetto contratto di governo tra Lega e M5S, di fatto, la famiglia non appare…

” Vero, quello che lei dice risponde a verità. E mi sembra grave. Al contrario, la politica ha il dovere di intervenire e di aiutare la famiglia in ogni modo possibile. Tutto nasce da questo e le famiglie numerose, date retta a me, sono belle ed un valore aggiunto”.

Talvolta si invoca l’ aborto come libertà…

” L’ aborto non è libertà, mai. La vita deve essere inquadrata in termini di verità e la protezione della vita è verità,oltre che coraggio. Bisogna avere una mente aperta alla vita che sboccia ed anche certamente a quella delle persone malate ed anziane, da non scartare mai. L’ aborto, oltre che sopprimere un essere umano il quale avrebbe diritto a vivere, danneggia la donna. La scelta abortiva la ferisce, spesso in modo irreparabile”.

Da un punto di vista della compatibilità ai principi non negoziabili e alla dottrina cattolica che cosa pensa dei 5 Stelle?

” A mio avviso non sono compatibili con la morale cattolica. Spesso, da quello che sento e leggo, sono di basso profilo. Un problema grande”.

Articolo precedenteScarabeo: Ho ricevuto una querela da Andrea Greco, non è uno scherzo!
Articolo successivoMigranti, il Sindaco di Campodipietra dice no a qualsiasi struttura di accoglienza