di Redazione

Sul tema dell’autonomia differenziata si è costituito un Comitato Spontaneo nel Molise  denominato “Autonomia differenziata, l’Italia che non vogliamo” e composto dai sottoscrittori del presente comunicato stampa.

“Quali posizioni è necessario assumere su questo provvedimento del Governo Meloni rispetto al quale sembrano al momento predominare politicamente la propaganda, ma anche il silenzio e l’afasia? Poiché sul Disegno di Legge 615 di Calderoli, già approvato al Senato, non pare al momento sia stata avviata se non qualche rarissima riflessione di base con la partecipazione attiva dei cittadini, il comitato stesso intende promuovere in merito un confronto aperto con i Sindaci e le loro comunità che lo richiederanno.
Poiché il sistema democratico della rappresentanza non può prescindere dal coinvolgimento quantomeno consultivo e propositivo del popolo nelle decisioni da assumere, questo ci sembra il criterio metodologico più immediato per iniziare un confronto sul Disegno di Legge.
Per fissare un incontro con le comunità locali che lo vorranno sarà sufficiente contattare i seguenti numeri telefonici o le mail indicati a fianco del nominativo dei promotori. In una fase successiva il Comitato Spontaneo cercherà di fare una sintesi di quanto emerso tra le popolazioni dei Comuni molisani che aderiranno in una manifestazione da tenere a Campobasso affidandone possibilmente la conduzione ad un esperto di diritto costituzionale. Rivolgiamo l’invito a un’attenta e responsabile partecipazione civica con l’appello lanciato al riguardo dall’arcivescovo di Napoli Mons. Domenico Battaglia: che il Vangelo e la Costituzione, in questo tempo complesso e difficile, che chiede la generosità e l’impegno politico di tutti, ci tolgano il sonno, divengano un peso sulla nostra coscienza, fino a quando ogni riforma e ogni legge, anche la più piccola, non sia orientata al bene di tutti, iniziando dai più fragili così da far crescere una comunità rinnovata, fondata sulla solidarietà, sulla giustizia, sulla pace. Per nuove adesioni al Comitato e per informazioni sulle attività che saranno poste in essere rimandiamo al Gruppo Facebook “Autonomia differenziata, l’Italia che non vogliamo”.”

I promotori del Comitato Spontaneo
Adele Fraracci adelefraracci@virgilio.it – Antonio Di Lalla “La fonte” 3384716450
Antonio Ruggieri 3294148872 – Domenico Di Lisa 3281637690
Domenico Santorelli 3395863785 – Enrica Sciullo 3280928208
Franco Novelli 3341906176 – Giggino D’Angelo 395637727
Giuseppe Pittà 3279754191 – Grazia Minotta grazia.minotta@gmail.com
Italo Di Sabato 3358191842 – Luisa Diodati diodatiluisa0209@gmail.com
Maria Rosaria La Marca – Mario Antenucci 3384749302
Michele Barone  – Pasquale Di Lena
Roberto Giammaria 3384229227 – Rossano Pazzagli 3357405701
Sara Ferri 3283954223 – Umberto Berardo 3383374827

Articolo precedenteCINEMA E TEATRO A ISERNIA TRA “IL PROSCENIO” E L’AUDITORIUM “UNITA’ D’ITALIA”
Articolo successivoPOSTE ITALIANE: NEGLI UFFICI POSTALI DI FOSSALTO E PALATA PARTE IL PROGETTO “POLIS”