Anche la provincia di Campobasso è coinvolta nella truffa messa in atto da un banda di Rom.

L’organizzazione agiva in diverse zone d’Italia, acquistando automobili con documenti e assegni falsi, le vetture erano poi rivendute in Lituania, Germania e Bulgaria. E’ stata la polizia stradale di Pescara a scoprire la truffa, che ha portato all’arresto di 21 persone per falso e ricettazione e alla denuncia di altre 30.  Il volume di affari della banda, capeggiata da un 51enne di Montesilvano (Pescara), si aggirerebbe intorno al milione di euro – spiega – il comandante della Polstrada di Pescara, Silvia Conti.
Articolo precedenteL’Italia in Europa, l’Europa in Italia. Storia dell’integrazione europea in 250 scatti
Articolo successivoIl Palascarabeo è realtà