di  T.A.

IL VENAFRANO PIETRO NE HA TROVATO UNO LUNGO M. 3,10 E DALLO SPESSORE DI 10 MM, UN GIGANTE !

Cercarli è la passione di tanti ! Gustarli a tavola è il piacere di tutti ! Si sta scrivendo degli asparagi selvatici, o asparago comune o anche asparagio, ossia l’angiosperma monocotiledone che appartiene alla famiglia delle Asparagacee e di cui enciclopedie e testi specifici di settore non lesinano dettagli e notizie circa le loro qualità nutritive. Il suo nome scientifico è Asparagus officinalis, ha ottimi valori nutrizionali e mangiarne rappresenta un tocca sano per il colesterolo. Tanti in primavera ne vanno alla ricerca e una volta portato a casa l’ambito e “prezioso” mazzetto li si cucina nella maniera più disparata, essendo ottimi per il palato e per la salute in generale. Con un po’ d’olio insaporiscono a meraviglia un piatto di spaghetti, sono squisiti in una frittata di cinque/sei uova e risultano assolutamente fragranti nella classica frittura napoletana. Comunque cucinati cioè “catturano”, dal che il piacere di trovarli in natura per poi gustarli a tavola. E c’è anche chi si diverte a scovarne di giganti, come il venafrano Pietro che ha fatto pervenire in redazione la foto allegata con un mega asparago in mano appena colto nei campi. Le sue misure ? Metri 3,10 di lunghezza e spessore di circa 10 mm : un gigante ! Sempre in  padella comunque finirà, nonostante le dimensioni, in modo da deliziare gusto e palato, arrecando benefici sostanziali alla salute.

 

Articolo precedenteCampobasso. Elisoccorso del Cardarelli, firmato l’accordo di gestione
Articolo successivoVI^ RASSEGNA ORGANISTICA A CAMPOBASSO PROMOSSA DAGLI AMICI DELLA MUSICA