di Redazione

Sabato 18 maggio 2024 Ambiente Basso Molise ed i Lions Club Termoli Host festeggeranno la “giornata mondiale delle api”. 

Le api e gli insetti impollinatori sono importantissimi per il mantenimento della biodiversità e della sicurezza alimentare. Per poterle tutelare e aiutare nel loro importante lavoro è bene conoscerle un po’ meglio! Le api sono fondamentali per la nostra sopravvivenza eppure, a causa dell’impatto umano, rischiano di scomparire. La giornata mira a focalizzare l’attenzione sulla loro importanza. La giornata mondiale delle api, è l’occasione per riflettere sull’importanza degli impollinatori, sui pericoli che minacciano la loro sopravvivenza e su come tutto questo impatti sulla sicurezza alimentare. Le api recano importanti benefici e servizi ecologici per la società. Con l’impollinazione le api svolgono una funzione strategica per la conservazione della flora, contribuendo al miglioramento ed al mantenimento della biodiversità. Come guardano e cosa vedono, come si muovono tra i fiori e cosa fanno di tanto fondamentale per la sopravvivenza del pianeta?  Un percorso per grandi e bambini che vogliono immedesimarsi per un giorno nella vita di un’ape tra i fiori del C.E.A. Fantine, imparando come vive, cosa vede e come comunica con le altre api. I motivi per proteggere queste piccole e laboriose creature (anche se ovviamente la conservazione della natura dovrebbe prescindere da ragionamenti utilitaristici) sono dunque molteplici. Naturalmente non mancherà la degustazione del prelibato nettare dalle antiche origini. Sabato 18 maggio a partire dalle 09:30 i volontari di Ambiente Basso Molise riceveranno tutti coloro che vogliono trascorrere “deliziosamente” una mattinata ricca di gusto presso il C.E.A. Fantine di Campomarino.  La giornata è stata istituita dalle Nazioni Unite il 20 dicembre del 2017 ed è stata festeggiata per la prima volta il 20 maggio 2018.

Articolo precedente“SANT’ NCANDRIEGL”, IL PICCOLO SAN NICANDRO VENAFRANO CHE NON SI DIMENTICA
Articolo successivoBojano, gli alunni delle classi quinte della scuola primaria a lezione di giornalismo