di T.A.

Ogni città, chi più chi meno, ha cose pendenti ! Prendiamone due, Pisa in Toscana e Venafro in Molise, entrambe in effetti  con cose pendenti, però di natura profondamente diverse. Nella bella città toscana c’è la storica TORRE PENDENTE,  che visitatori, turisti e studiosi di mezzo mondo vanno volentieri ad osservare, studiandone pendenza e soprattutto la monumentale struttura. A Pisa cioè c’è un gioiello storico/monumentale che da secoli pende in maniera considerevole, che anche per questo attira tantissimo, ma che è sempre lì, pendente si, ma suggestivo e stabile. E la gente vi sale in cima per gustarne fattezze, storia e panorama pisano. Passiamo a ben diversa e modesta realtà, questa volta a Venafro. Nella cittadina molisana c’è analogamente qualcosa di pendente, ma trattasi assai più modestamente del PALO METALLICO della pubblica illuminazione lungo via Campania, ingresso sud dell’abitato. Solo che tale PALO, probabilmente urtato tempo addietro da tir, vettura, furgone o camion in manovra senza che all’epoca dell’accaduto si sia provveduto a ripristinare il mal procurato, continua a restare pericolosamente pendente su pedoni e mezzi su gomma in transito sulla statale senza che s’intervenga a riparare il tutto, eliminando una buona volta i pericoli di tutte le ore del giorno, della sera e della notte. E dire -e qui la stranezza …- che tale PALO PENDENTE è sotto gli occhi di tutti h 24, ma nessuno alza un dito ! Chi dovrebbe … alzare il dito e raddrizzare il palo, rendendolo finalmente sicuro ? Si suppone che tocchi al Comune di Venafro. No, spetta ad altri, si potrà obiettare. Bene. A quanti transitano a piedi o su gomma lungo via Campania, non interessa certo sapere chi debba o non debba raddrizzare il fatidico palo, bensì che finalmente la struttura metallica torni in maniera pienamente verticale, non più pendente e del tutto rassicurante ! Avverrà tanto, una volta per tutte ? Sono in tanti a richiederlo ed attenderlo, sperando che avvenga al più presto. Anche perché … mentre molti si recano a Pisa per ammirare la TORRE PENDENTE, non risulta che arrivino a Venafro forestieri per ammirare il PALO METALLICO PENDENTE DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE !

Articolo precedenteCampobasso – Irregolarità urbanistico-edilizie, Carabinieri Forestali denunciano undici persone
Articolo successivo“Parco Nazionale del Matese: natura, paesaggio, cultura e sviluppo”. Il Touring Club Italiano riaccende il dialogo sul futuro del territorio con un convegno a Caserta