di T.A.

AD INSEGUIRE CASTEL DI SANGRO, VENAFRO E GUGLIONESI. INTANTO IMPORTANTE MERCOLEDI’ DI COPPA ITALIA COI MATCH A. CASERTANO/GIOIESE E GUGLIONESI/VENAFRO 

Giro di boa della stagione calcistica d’eccellenza in Molise, con sostanziali conferme al vertice. In effetti dopo la prima di ritorno in testa al girone si conferma l’Isernia con 44 punti, tallonato ad un punto dall’Alto Casertano (43). Inseguono distanziati Castel di Sangro (29), Venafro (28) e Guglionesi (27). Più dietro tutte le altre, con la Cliternina che chiude a quota 9. Questo grazie ai seguenti risultati della I^ giornata di ritorno : A. Casertano/Ripalimosani 2-0, Gioiese/San Pietro 1-1, Campomarino/Castel di Sangro 0-3, Boiano/Guglionesi 0-2, Agnone/S Campano 2-2,  Venafro/Turris 2-0, Isernia/Termoli 4-0 e Fortore/Cliternina 2-1. Stagione quindi sin qui dominata dal duo di testa, ma gl’inseguitori non mollano affatto nonostante il distacco. Ne sono prova il Castel di Sangro con la recente innovazione tecnica interna ed il Venafro che ha appena accasato gente di tutto rilievo come l’attaccante Panìco, attuale capocannoniere dell’eccellenza molisana, il mediano Cipriano e la mezzapunta Tommasone, pedine per innalzare il tasso tecnico della squadra e sperare nel prosieguo della stagione. Intanto, e passando dall’eccellenza alla Coppa Italia Molise, mercoledì prossimo 10 gennaio sono in calendario gli attesi ritorni delle semifinali di Coppa, ossia Guglionesi/Venafro (andata 2-3) e Alto Casertano/Gioiese (andata 3-0). Se cioè l’Alto Casertano, a meno di una improbabile debacle interna, è praticamente già con un piede in finale, tutto ancora è da decidere tra Venafro e Guglionesi. Come appena scritto, nella semifinale d’andata s’impose di misura il Venafro ma la qualificazione è ancora tutta dentro per entrambe le contendenti, per cui si preannuncia un gran bel match mercoledì pomeriggio a Guglonesi. In effetti tutti tengono tantissimo alla Coppa, costituendo una sorta di corsia preferenziale per accedere il prossimo anno in serie D in caso di aggiudicazione finale della Coppa.

Articolo precedenteLA CURA DEL TERRITORIO CON L’AMICIZIA TRA DONNE
Articolo successivoNEL SALENTO LA CASSAZIONE ANNULLA LA CARTELLA DI UN CONSORZIO DI BONIFICA MANCANDO LA PROVA DEI VANTAGGI OFFERTI