di Redazione

Sport, turismo e tante emozioni. Grande successo per il 20° Torneo Internazionale Città di Campomarino.
Si è conclusa dopo 8 giorni intensi e ricchi di emozioni la ventesima edizione del Torneo Internazionale Città di Campomarino.
La manifestazione ha coinvolto 32 squadre di diverse categorie, dai Primi Calci ai Giovanissimi U15, con la partecipazione di ben 7 squadre inglesi (PFA London, Holtspur, Wooburn, Wembley, Wycombe, London Bucks, Saint George) e diverse squadre professionistiche provenienti dalle Regioni limitrofe tra cui Pescara, Foggia, Vasto, San Severo.
L’Adriatica Campomarino ha organizzato anche quest’anno l’evento, predisponendo in maniera ottimale il calendario delle partite e l’accoglienza delle squadre, in particolar modo dei circa 300 inglesi giunti da Londra.
Il Torneo ha da anni un importante rilevanza per il territorio, in quanto  valorizza e incentiva l’economia e il turismo anche attraverso visite turistiche e percorsi guidati dedicati in particolar modo ai turisti e alle famiglie inglesi. Una consuetudine che va avanti da anni e che ha portato diverse famiglie inglesi ad acquistare casa a Campomarino e a raggiungere la nostra Regione per le vacanze. Quest’anno sono state circa 1000 le persone coinvolte e presenti nelle strutture di Campomarino durante l’evento.
Dal punto di vista sportivo, in 8 giorni si sono disputate 45 partite su più campi con centinaia di ragazzi che si sono confrontati stringendo importanti amicizie che vanno oltre i confini nazionali e linguistici.
Una vetrina importante anche per i tanti partecipanti che si sono messi in evidenza agli occhi di osservatori e dirigenti delle squadre professionistiche che hanno partecipato.
Le emozioni sono state tante, anche in considerazione del fatto che la manifestazione è da alcuni un Memorial dedicato a Costantino Mangifesta e Luigi Mandelli, due personaggi iconici nella storia dello sport campomarinese.
Articolo precedenteSea Spa. Nel Centro Murattiano di Campobasso in arrivo le Ecostazioni di conferimento dei rifiuti
Articolo successivoStop alla Gigafactory di batterie di Termoli: l’elettrico si ferma?