RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Riflessione di un molisano indignato

Mi è capitato di leggere sul web un articolo della vostra testata che parla di 200 uova di Pasqua donate da Forza Italia Molise alle famiglie povere e, per l’occasione, si è deciso di usare l’evento per pubblicizzare la raccolta fondi a favore del partito. Sull’etichetta mettono la donazione del 2×1000 che si fa in occasione della denuncia del reddito. Chi ha ideato questa trovata geniale di inserire la donazione per il finanziamento al partito sulle uova da dare ai poveri? L’onorevole Annaelsa Tartaglione che, avendo letto l’articolo, replica alla frase in esso contenuta che ricorda la sua elezione in Parlamento al collegio di Foggia. “Ogni deputato, secondo l’art. 67 Cost., quale membro del Parlamento italiano, rappresenta la Nazione nel suo insieme” scrive l’onorevole. Approfittiamo della lectio magistralis per ricordare che mai, in questo anno di pandemia, abbiamo sentito l’onorevole di Forza Italia esprimere una sola parola sulla gestione del Covid in Molise. Mai si è pronunciata su argomenti di vitale importanza come il centro Covid a Larino. Mai le abbiamo sentito proferire parola sulla promiscuità covid e non covid che ha travolto gli ospedali pubblici molisani. Non abbiamo visto un solo battito di ciglia che fingesse commozione per i 450 morti in pochi mesi in Molise perché il Cardarelli, sotto la direzione indiretta del governatore Toma (da lei fortemente voluto e protetto), non era organizzato per reggere l’urto della seconda ondata. Ma replica sulla figuraccia rimediata con 200 uova di Pasqua. L’onorevole nazionale.